domenica, settembre 23, 2007

signore in carrozza!

oggi tra la miriade di scontrini e i foglietti che popolano il mio vecchio portafoglio nero è emerso un biglietto del tram di Riga.
a me piaceva un sacco il tram a Riga perchè era vecchio e pieno di atmosfera. lo prendevamo tutte le sere per andare in centro a cercare un ristorante quando uscivamo dall'ufficio. e quando tornavamo dopo cena eravamo spesso stanchi e anche un po' brilli e ci veniva la ridarella come quando sei in gita.
nell'album dei ricordi io ho tante immagini di Riga, con l'autunno che diventava sempre più freddo e l'appartamento con il camino e i pavimenti di legno e le serate a bere assenzio, che lì si può.
adesso parto ancora e so che se parto ancora poi c'è un prezzo da pagare. perchè, caro anonimo, "non si può pretendere che in tua assenza il mondo continui il percorso senza lacrime" (ma le lacrime mie o del mondo? caro anonimo potresti essere più specifico? e meno anonimo?) ma d'altro canto (e mi ripeto e anche mi autocito un po'): "se vai via, vai via, se stai qua, stai qua. difficilmente le due cose si tengono insieme". e lo so Auro che nella pratica poi ci sono milioni di sfumature, ma porca miseria proprio il grigio topo pallido mi deve capitare?

3 Comments:

Anonymous Auro said...

beh, il grigio topo sta bene con un giallo sole o con un verde smeraldo. se ben matchato, anche il grigio topo fa la sua porca figura.

/me se ne va scondinzolando il suo tubino grigio cielo di milano di novembre abbinato a scarpe e borsa viola cardinalizio.

12:33 PM  
Anonymous Anonimo said...

come sei malinconica e dolce,
ma il mondo piange per la tua assenza, ovviamente.
Non potevi immaginare che era la tua cara amica
e che non voleva essere anonima ma semplicemente si è dimenticata di firmare perchè si sa la sua vita è sempre altrove e si dimentica di chiudere le parentisi, di mettere le virgole di firmare anche i biglietti che accompagnano i regali.
e sai perchè... perchè la vita è un grosso blob che inarrestabilmente cerco di fermare e di catalogare.
mi mancherai anche troppo....
simosimo

2:06 AM  
Anonymous Anonimo said...

anche l'orologio si rifiuta di segnare l'ora esatta.
simo

2:07 AM  

Posta un commento

<< Home